13-la-mortePer rinascere bisogna morire. Si passa così da una morte profana a una rinascita con una nuova sacralità.
Il tredicesimo arcano è raffigurato con il falciatore che stringe lo strumento con la mano sinistra, così che la falce e lo scheletro formino la lettera dell’alfabeto ebraico, mem.

SIGNIFICATO DELLA MORTE carta dritta

La falce con il manico rosso, lascia conservati piedi, mani e teste che hanno ancora le loro sembianze; niente muore davvero, tutto si trasforma. Le ossa dello scheletro sono rosa carne, simbolo di tutto ciò che è umano.
La lama indica una trasformazione definitiva, un impresa portata a termine; solitudine temporanea, malinconia per poco tempo; eredità; evoluzione inattesa, pericolo evitato, recupero della salute; nuovi progetti, nuove idee, una rinascita.

Rappresenta:

Indica un ricercatore, un astrologo, un individuo solitario, un mago, un individuo che vuole rifarsi una vita.  Si lega al notturno e al segreto, alla magia, alla sessuologia, l’alchimia, la psicoanalisi. Ha molte somiglianze con scorpioni, serpenti, cimiteri, caverne, funchi velenosi.

Sul piano fisico, si lega agli ormoni, allo sperma, globuli bianchi, difese organiche e l’ano.

Si connette:

  • alla prima parte dell’autunno
  • al martedì
  • al mese di novembre

SIGNIFICATO DELLA MORTE carta rovesciata

Indica una rottura definitiva, delusioni, lutto, fallimenti, ostacoli, scoraggiamento, angoscia, un cambiamento non riuscito.

Fine, perdita, vecchiaia; fine di un rapporto di amicizia o familiare.

Indica una situazione ferma, ristagno, violenza e brutalità. Azioni occulte perverse.

Preannuncia morte (con altre carte negative) , malattia grave, suicidio, incidenti, impotenza sessuale, malattia dell’ano.